Agriturismo Cascina Rovet

13843 - Pettinengo (BI) Piemonte
Vaglio Colma,via Biella , 43
Distanza dal centro: 4,22 Km
Telefono:
015.562932
Mail
info@cascinarovet.it
Web
www.cascinarovet.it

Descrizione

La capitale della lana, con i suoi magazzini, il suo cemento, le sue bellezze e le sue brutture, è alle vostre spalle. Si fanno pochi chilometri, ci si inoltra nel verde e nel silenzio, il panorama si fa sempre più alto e più aperto nella valle sottostante che, di sera, si illumina di milioni di romantiche piccole luci. Poi, una salita, un’erta anche del 25 per cento per approdare a questo angolo di paradiso che (se non ci sono feste e celebrazioni varie) è anche un’oasi di silenzio.
Siete a 700 metri d’altezza, in quella multiforme Cascina Rovet che la famiglia Ferrero manda avanti con amore passione e dedizione dopo averla rivitalizzata una quarantina di anni fa.
Papà e mamma fanno gli ambulanti: alla mattina presto partono per i mercati. Il resto della famiglia manda avanti questa intelligente interessante struttura che riserva mille sorprese per grandi e piccini.
Siete in un multiforme variegato agriturismo: si comincia con i trenta ettari di bosco recintato dove trovate cervi, daini, caprioli, cinghiali, stambecchi, mufloni, alpaca. Poi ci sono le aie e le voliere: galli e galline multicolori ma anche gufi reali, barbagianni, civette delle nevi.
Poi c’è la parte didattica dove i bambini delle scuole iniziano a conoscere non solo gli animali, ma scoprono i segreti del bosco, il percorso”dal seme al piatto” e, 6anche (siamo a Biella!!!), il percorso ”dalla lana al maglione”.
E poi, un po’ di tutto e di tutto un po’: ci si viene per riempire sale e saloni per battesimi nozze e banchetti vari; ci si arrampica in utilitaria per il “Raduno delle 500 e derivate” o per il corso di castanicoltura…
Poi, ultimo ma non ultimo, ci si viene per mangiare, accuditi coccolati eruditi da un ragazzone amabile entusiasta e professionale, Andrea Ferrero, 22 anni, ex nazionale di rugby giovanile (nella Cariparma di cui vedete la maglia alle pareti).
Servirà a tavola con attenzione, educata familiarità, il sorriso sulle labbra, l’eloquio amabile e cortese: tutte cose che vi faranno tranquillamente chiudere un occhio su qualche difetto: i tovaglioli modellati, il cappotto che dovrete mettere sulla prima sedia libera accanto a voi, il menu ed i vini elencati a voce.
Menu ristretto ma esauriente che pagherete sulle 30-35 euro: potrete partire con la carne cruda di fassone Piemontese accompagnato da bagna cauda, sformato di patate e pancetta affumicata, sformato di melanzane mozzarella di bufala campana e un tocco doveroso di aglio, ghiotto cotechino di carni miste (maiale e…cervo !), agnolotti (o risotto al limone), invitante cervo in salmì con un nulla di cioccolato.
Anche i dolci sono fatti in casa.
Poi, dopo pranzo, il parco tutto attorno vi accoglierà con la varietà delle sue proposte legate alla natura dove troverete tanti motivi di interesse per voi, per i vostri ragazzi, per i vostri bambini.
 

L'opinione degli utenti

Condividi la tua opinione!

Contatta il negozio

Contatta il negozio

Con l’inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati