Le Terme di Punta Marina non distano che dieci chilometri da Ravenna e sono nate come centro talassoterapico nel 1963, per trasformarsi in vere e proprie terme nel 1991. Accade dopo il risultato ottenuto da certi studi dell’Università di Ferrara, che a 42 metri nel sottosuolo avevano rilevato la presenza di acque minerali ancora una volta salsobromoiodiche, ma anche contenenti discrete quantità di calcio e di magnesio, minerale presente in misura di 470 milligrammi per litro: questo la rende una varietà rara di acqua fossile, che si caratterizza per la spiccata attività antinfiammatoria e antisettica, immunostimolante e mucoregolatrice.

Queste proprietà sono valse alle acque il titolo di Terme, conferito dall’istituto Superiore di Sanità. Non solo: un altro Ministero, quello della Salute, ha classificato Terme di Punta Marina, che include anche un molto confortevole hotel, di “prima categoria super”. La sua acqua così ricca dell’essenziale magnesio è particolarmente adatta alla cura di patologie dell'apparato osteoarticolare e di quello respiratorio, ma anche del sistema otorinolaringoiatrico nonché di quello ginecologico.