Auberge De La Maison

Consigliato da Raspelli
11013 - Courmayeur (AO) Valle d'Aosta
Via Passerin d’Entreves, 7
Distanza dal centro: 2,56 Km
Telefono:
0165.869811
Fax:
0165.869759
Referente
Alessandra Garin
Mail
info@aubergemaison.it
Web
www.aubergemaison.it

Descrizione

Voto: 13,5/20
Il voto è stato personalmente espresso dal Sig. Edoardo Raspelli, in seguito ad una visita presso la presente struttura.

Oggi che la primavera ci regala giornate più lunghe, prima che questo posto di fiaba chiuda per le ferie fino all’inizio della stagione (ai primi di giugno), venite di corsa, nella pace silenziosa di monti ancora innevatissimi. Per la vostra prima colazione, per il vostro pranzo, per lo spuntino di mezza mattina o metà pomeriggio, vi aspetta la grande bella terrazza all’aperto, rivolta verso sud, dove sarete serviti e coccolati come dei principi. Il sole sarà alto e lo resterà a lungo; non giocherà più a nascondino con la cima proprio di fronte che, nel cuore dell’inverno, lo nascondeva ai vostri occhi.
Ed allora godrete ancora di più quello che ho trovato io, al mio ritorno dopo tanti anni da queste parti: l’unico rumore sarà lo sgocciolio della neve dalle grondaie, il dolce tintinnio delle campane del borgo.
Il figlio maggiore di Filippo Garin, Leo Garin, locomativa enogastronomica e turistica della Vallèè, splendido esempio di lavoro passione e competenza, ha aperto questo luogo d’incanto il Santo Stefano del 1996, esattamente 110 anni dopo che Alessandro de Goracuchi raccontasse al mondo la straordinaria bellezza di Courmayeur.
Da qui, da questo grande affascinante chalet di legno, Courmayeur non si vede: appena appena accennato è l’ingresso al tunnel del Bianco, e poi la corona di cime incornicia il bellissimo cuore del borgo di Entreves.
Il legno scandisce già all’esterno questa bella ampia casa di fascino e di eleganza;separa le balconate panoramiche; sorregge i soffitti a capanna; dà calore alle balaustre incorniciate tra i fiori. Dentro, all’interno, angolini da sogno tra piccole belle cose del mondo contadino, raffinatezze ed originalità da collezionisti, poltrone divani accanto al camino attorno al bar dove prendere l’aperitivo o sorseggiare dopo cena, che so, una grappa aromatizzata al moscato od al melograno…
E poi c’è la tavola, i piatti: è la buona cucina di un meraviglioso albergo dove, con intelligenza, si propone il Passato, la Tradizione, la Storia della Vallèe, anche attraverso la ricerca e l’acquisto dei prodotti tra i fornitori locali. Ecco allora che i formaggi e gli yogurt sono dei grandi Panizzi (con bottega nel centro di Courmayeur); ecco che le marmellate arrivano dalla Valdotaine di Saint Marcel (legata alla tradizione anche se i fondatori, gli Zublena, hanno passato la mano); ecco il lardo di Arnad e gli affettati che producono i Bertolin giù, in vallata…
Ed allora con il tagliere di salumi potrete accompagnare il vostro calice di bianco valdostano prima di passare al cotechino valdostano con patate anch’esse locali e leggera fonduta, oppure alla trota affumicata in casa e bagnata da un filo di olio di noci (grandissimo prodotto recuperato da quella donna meravigliosa che è Marilena Bertolin, che prosegue una tradizione gastronomica ancestrale).
E poi il risotto con carciofi e formaggio, le uova in tegamino di nuovo con oli di noci, il maialino da latte, il carrello dei formaggi tipici (in particolare i due D.O.P.Fromadzo e Fontina) o, al dolce, quella che a Milano si chiama “busecchina”, cioè le castagne bollite nel vino e sommerse di panna. Anche qui, gnummy, gnummy, gnummy… 65-75 euro per mangiare discretamente in un luogo da fiaba.


 

Caratteristiche

Ambiente

  • Rustico

Cucina

  • Nazionale
  • Regionale
  • Tipica Locale

Giorno di Chiusura

  • Mai

Metodi di Pagamento

  • Bancomat
  • Carta di Credito
  • Contanti

Prezzo

  • Prezzo Medio alla Carta 50,00

Ubicazione

  • Montagna

L'opinione degli utenti

Condividi la tua opinione!

Contatta il negozio

Contatta il negozio

Con l’inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati