Aranzada Nuorese
  • Difficoltà: Difficile
  • Preparazione:
  • Cottura:
  • Dosi per: 6 persone
  • Spesa: Media
  • Commenti: 0
  • Voto:
  • Categoria:

Ingredienti

  • 500 g di buccia di arance
  • 300 g di miele
  • 200 g di mandorle

Preparazione

Sbucciare le arance e privare le scorze della parte bianca che potrebbe dare un gusto amaro. Tagliare le bucce a striscioline larghe un paio di millimetri e lunghe circa 3-4 centimetri e metterle in una ciotola. Coprirle di acqua fredda badando che rimangano ben immerse. L'ammollo dovrà protrarsi per due giorni e l'acqua dovrà essere cambiata almeno un paio di volte al giorno perché le scorze perdano del tutto il loro gusto amarognolo.
Scolarle e asciugarle con un tovagliolo. A questo punto le si può pesare e calcolare una quantità di miele doppia (consigliato il miele di eucalipto). Scottare per circa un minuto o poco meno le mandorle in acqua bollente, sgocciolarle, pelarle, asciugarle, tagliarle a filetti e tostarle per pochi minuti, finché non assumeranno un colore dorato, nella placca del forno a 170°.
Versare in una pentola, unire le scorze di arancia e cuocere a fuoco bassissimo mescolando continuamente. Siccome le scorzette sono molto sottili, la cottura non deve protrarsi oltre i 20-25 minuti (non devono seccare) trascorsi i quali, unire le mandorle e far cuocere per un altro paio di minuti sempre mescolando.
Togliere la casseruola dal fuoco e stendere il composto su un piano di marmo, quindi sistematelo a piccole cucchiaiate in singoli pirottini di carta come a formare dei pasticcini che cospargerete, come vuole la tradizione sarda, con piccoli confetti argentati che troverete facilmente in drogheria. Far raffreddare e servite.
Si mantengono per un paio di giorni.

L'opinione degli utenti


Condividi la tua opinione!