Arancini al sugo
  • Difficoltà: Difficile
  • Preparazione:
  • Cottura:
  • Dosi per: 6 persone
  • Spesa: Media
  • Commenti: 1
  • Voto: 3.0/1 voto
  • Categoria:

Ingredienti

  • 300 g di riso
  • 400 g di polpa di maiale
  • 200 g di “strattu” (concentrato di pomodoro)
  • 1 cipolla piccola
  • 5 uova
  • 250 g di pangrattato
  • 2 bustine di zafferano
  • 4 cucchiai di vino rosso
  • 350 g di caciocavallo fresco (magari ragusano)
  • 100 g di caciocavallo stagionato grattugiato
  • olio extravergine d'oliva
  • sale

Preparazione

In un largo tegame di coccio rosolate con due cucchiai d'olio la cipolla affettata sottile. Aggiungete la carne di maiale, salate e alzate la fiamma, rigirando di frequente la fetta, finché sarà ben dorata. Ora versate il vino e lasciate che sfumi, ancora a fuoco vivace. Togliete la carne dal tegame, versate lo strattu e diluite con acqua tiepida; disponete ancora il maiale nel sugo e aggiungete altra acqua finché sia quasi coperto. Quindi ricoprite il tegame e lasciate in cottura a fuoco molto basso per circa tre ore (finché il sugo si sarà addensato), togliendo eventualmente il coperchio verso fine cottura, e rimescolando di tanto in tanto.
Intanto lessate il riso in acqua, già salata e non troppo abbondante, così che sia interamente assorbita durante la cottura. Con il riso al dente e asciugato completamente, aggiungete lo zafferano e il formaggio grattugiato, mescolando delicatamente. Trasferite su una spianatoia e lasciatelo a raffreddare.
Estraete la carne di maiale per poi ridurla a filetti; quindi tagliate a pezzetti il caciocavallo.
Ora salate e sbattete le uova in una piccola zuppiera dal bordo basso, quindi spargere il pangrattato sopra un piano di lavoro che sia ampio. Raccogliete un po' di riso nell'incavo di una mano, pressatelo e quindi versatevi un cucchiaio abbondante di sugo, qualche filetto di carne, qualche pezzetto di formaggio e ancora un cucchiaio di sugo; ricoprite con un altro po' di riso e richiudete come si fa con una polpetta, tuttavia riservandovi di conferire all'arancino la sua forma piramidale. Passatelo nell'uovo e nel pangrattato, schiacciando leggermente la base della piramide finché sia in grado di restare in piedi da sola. Procedete in questo modo fino a terminare il riso.
Friggete ora in olio extravergine bollente, ponendo gli arancini in piedi nel cestello della friggitrice. Lasciateli sgocciolare su carta assorbente. Vanno mangiati caldi. 

L'opinione degli utenti


Condividi la tua opinione!


L'opinione degli altri utenti

ada

31/01/2011 Buoni. secondo voi si può fare una versione vegetariana?
Originalità
Semplicità
Consigliato