Guida turistica: Sassari

Le Guide Turistiche di OriginalITALY

Introduzione

L’area del Sassarese è stata abitata sin dal neolitico: infatti è costellata da numerosi complessi nuragici. Tra questi si trova un’arcana testimonianza sul monte d’Accodi, un altare preistorico edificato nel 2400 a.C., rinvenuto nel 1952, raggiungibile dal Capoluogo con la Statale 131 in direzione Porto Torres. In epoca romana Sassari fu l’entroterra della potente colonia romana di Turris Libisonis (Porto Torres), nel Golfo dell'Asinara, che ancora conserva i resti delle terme, Palazzo del Re Barbaro (III-IV secolo) e la Chiesa di San Gavino di stile romanico-pisano.
I secoli seguenti hanno visto la Città e il suo entroterra vivere alterne vicende di dominazioni, periodi di gloria e di crisi, fino al XVI e XVII secolo in cui si assiste a una fase di sofferta resistenza alle incursioni saracene. Nel 1562 nasce per opera dei gesuiti il collegio Studi di San Giuseppe che darà origine nel 1617 all’Università di Sassari, la prima in Sardegna. All’interno del complesso segnaliamo la Biblioteca Universitaria con numerosi e antichi manoscritti tra cui il Codice Condaghe di S. Pietro di Silki.
La Città di Sassari ha un aspetto moderno, ma fra le mura medievali si scoprono angoli di grande importanza storica, a partire dal centro, caratterizzato da strette vie che si diramano all’interno, e con numerose chiese che testimoniano le diverse epoche: il Duomo, dedicato a San Nicola, è in stile gotico; la chiesa di Santa Maria di Betlem edificata nel XIII secolo è custode dei candelieri (della Festa della Manna), enormi ceri di legno rappresentativi delle diverse arti e mestieri, che sfilano il 14 agosto.
L’elemento archeologico e naturalistico è il tratto saliente dei questa zona della Sardegna. Ma proprio tanta storia, ricca di eventi, ha lasciato l’indelebile segno nelle tradizioni che di anno in anno si rinnovano. Tra questi, da non perdere è la Festha Manna (Festa Grande) detta anche ‘Faradda di li Candareri’ (la Discesa dei Candelieri), celebrazione religiosa popolare che rievoca i ringraziamenti alla Madonna per la sua protezione in occasione delle terribili pestilenze che la Città subì.

 

Luoghi e Itinerari

Chiesa di San Pietro di Silki

Sassari
La Chiesa di San Pietro di Silki si trova alla periferia di Sassari, che fino a pochi anni fa era aperta campagna. La Chiesa di San Pietro di Silki si affaccia su un ampio piazzale, cui si accede…

Continua ›

Ittiri e la Chiesa di Santa Maria di Coros

Sassari
Il territorio di Ittiri offre un paesaggio tra dolci colline ad aspri rilievi. La Chiesa di Nostra Signora di Coros si trova in un sito campestre, annessa al monastero cistercense nel territorio tra I…

Continua ›

Asinara

Sassari
L'Asinara è famosa per il penitenziario presente sull'Isola fino al 1998. Oggi l'Asinara è una delle più belle isole del Mediterraneo, con 100 chilometri di costa incontaminata e …

Continua ›

Lo Stagno di Pilo

Sassari
Lo Stagno di Pilo, nel comune di Sassari, è uno stagno privato e ha un collegamento artificiale col mare; ha due emissari, il Rio Guardia Secca e il Rio Badde d'Issi. A differenza dello Stagno …

Continua ›

Arte e Cultura

Andar per arte… contemporanea

Sassari
Per il suo patrimonio storico-artistico tutta la Sardegna può essere considerata un museo a cielo aperto ma, per conoscere e capire questa sua ricchezza, ogni spazio espositivo può dare la giusta chia…

Continua ›

Fontana del Rosello

Sassari
Simbolo di Sassari è la Fontana del Rosello. Fu costruita nel 1605 a opera di artisti genovesi, in forme manieristiche tardo-rinascimentali che si imposero immediatamente rendendola un’op…

Continua ›

Cattedrale di Sassari

Sassari
Il Duomo di S. Nicola è nel centro di Sassari e della sua piazza principale. La Cattedrale di Sassari fu costruita nel XIII secolo in stile romanico, ma di questa struttura rimane solo la parte…

Continua ›

Artigianato Locale

I coltelli di Pattada

Sassari
Immerso nello stupendo panorama del Monte Acuto, sul versante meridionale della Catena del Limbara, il comune di Pattada, in provincia di Sassari, conserva con orgoglio il culto di antiche tradizioni …

Continua ›

Tessuti sardi

Sassari
Particolarmente prolifica è l’arte dei tessuti sardi. La produzione in questo settore è ancora oggi la più diffusa e importante: tappeti, coperte, scialli e arazzi, tende e …

Continua ›

Filigrana sarda

Sassari
In tutta l’Isola e a Sassari è diffusa la lavorazione dell’oro. I laboratori più famosi si trovano ad Alghero (SS), Quartu Sant'Elena (CA) e Dorgali (NU). Quest’arte la…

Continua ›

Enologia

Alghero Doc

Sassari
La vite in Sardegna esiste da sempre, come nei vari luoghi del Mediterraneo, ma la viticoltura si affina nel XV° e il XVIII° secolo con l'importazione dalla Spagna dei vitigni Monica, Cannonau…

Continua ›

Vino sardo

Sassari
Tra i vini rossi sardi il Cannonau proviene da un vitigno diffuso nell'intera Regione, ma le zone di maggiore produzione sono l'Ogliastra, la Baronia, la Barbagia e il Mandrolisai. Il vino sardo prodo…

Continua ›

Gastronomia

Dai dolci al mirto

Sassari
Sassari, provincia di ottimi Moscati e vini liquorosi...che cosa accostare di meglio se non le dolcezze locali? Si comincia a carnevale con gli Acciuleddhi, Mendegadas o Trizzas oppure Li Frisjoli lon…

Continua ›

Civraxiu

Sassari
Una tipicità che contraddistingue tutta la Sardegna è il pane. Svariate le forme e le occasioni che vedono il grano come ingrediente principale.Dal mondo agricolo viene la tradizionale c…

Continua ›

Miele sardo

Sassari
La produzione di miele sardo risulta molto particolare. La ricchezza delle specie vegetali garantisce un prodotto di grandi varietà e qualità. Numerose sono le aziende che si dedicano al…

Continua ›

Sport e Natura

Un mondo sommerso a due “tuffi” da Alghero

Sassari
Posta nell'omonimo Golfo a Sud di Capo Caccia, Alghero è una cittadina godibile durante i mesi estivi sia per la bellezza del suo centro storico, sia per la tranquillità della campagna che la circonda…

Continua ›

Il fiume e il lago Coghinas

Sassari
La foce del Coghinas è ricca di uccelli come le garzette e gli aironi. La grande piana intorno al Lago Coghinas è sicuramente uno dei siti più importanti della Sardegna.…

Continua ›

Parco nazionale dell'Asinara

Sassari
L’Asinara è la sede di un Parco Nazionale. È la seconda isola sarda per dimensioni, dopo Sant'Antioco. Ha una forma stretta e allungata e una costa molto frastagliata, che determin…

Continua ›

Parco Naturale Regionale di Porto Conte

Sassari
Il Parco Naturale Regionale di Porto Conte è suddiviso in varie zone. C’è una Riserva Integrale, cioè un'area limitata, che racchiude gli ambienti più delicati e inco…

Continua ›

Speleologia e Grotte di Nettuno

Sassari
La Sardegna, così antica geologicamente e così composita nella morfologia del territorio ricco di cavità e grotte è un luogo unico per dedicarsi alla speleologia. Famose so…

Continua ›

Ricette

Lumache al pomodoro

Dopo aver ben lavato le lumache, mettetele in una pentola; poi copritele d'acqua e ponetele sul fuoco. Quando saranno uscite quasi completamente dal guscio, alzate la fiamma e lasciate bollire per una…

Continua ›

La Favata

Dopo aver tenuto in ammollo le fave per una notte intera, rinnovate l'acqua e cuocetele in un pentolone coperte d'acqua, con poco sale, insieme alla cotenna a pezzetti e alle costine a tocchi. Dopo ci…

Continua ›

Ciggioni (Gnocchetti sardi alla sassarese)

Preparare il sugo con la carne di pecora: tagliatela in piccoli pezzi e fatela soffriggere con la cipolla a pezzi. In seguito aggiungete il passato di pomodoro, l'aglio intero, prezzemolo, alloro e sa…

Continua ›

Melanzane alla Sassarese

Lavate con cura le melanzane, asciugatele, mettetele in una pirofila leggermente spennellata di olio, ponetela in forno preriscaldato a 180° e fate cuocere per 50 minuti circa. Nel frattempo sbucciate…

Continua ›

Zuppa Sarda

In una casseruola di coccio alta e stretta fate uno strato di fette di pane, copritele con uno di fettine di formaggio, distribuite del prezzemolo, una grattugiata di noce moscata e pepe; versate un p…

Continua ›

Fregola con Arselle

Lavate accuratamente le arselle (vanno bene anche se sono piccoline) e lasciatele spurgare almeno un'ora in acqua e sale. Trascorso questo periodo scolatele, portatele sul fuoco in un tegame largo e b…

Continua ›

Strutture consigliate

Ristorante I Velici

Ristorante I Velici

07040 Stintino ( SS )
Via le vele ,
Dista 0,29 km dal centro