Guida turistica: Lodi

Le Guide Turistiche di OriginalITALY

Introduzione

Si deve al ventisettenne Napoleone Bonaparte, che il 10 maggio del 1796 ottenne sul campo la sua prima folgorante vittoria contro l’esercito austriaco proprio al ponte sull’Adda, se chi gira il mondo ritrova località chiamate “Lodi” nei posti più impensati, dalla Tasmania all’Algeria fino agli Stati Uniti d’America, e per la stessa ragione il visitatore si accorge che in non poche città francesi, prima fra tutte la capitale Parigi, compaiono vie e strade in onore del “Pont de Lodi”.
Altra curiosità è che a Lodi si trova il solo monumento dedicato in Italia all’imperatore svevo Federico Barbarossa: è di fianco al Municipio, in Piazza della Vittoria, dove al temibile imperatore, secondo fondatore della Città, tiene compagnia il busto di Gneo Pompeo Strabone, il primo fondatore della ‘Laus Pompeia’, dove oggi sorge Lodi Vecchio.
Lodi è quella che si definisce una città a misura d’uomo, amabile e raffinata, che, come soltanto nei paesi di buona parte d’Italia, o come fino a pochi anni fa soltanto nelle città più evolute oltre confine, la domenica mattina non mostra quell’aspetto desolante comune ai grandi centri urbani: qui negozi, almeno quelli alimentari, incluse le pasticcerie, sono tutti gioiosamente e molto confortevolmente aperti. I suoi abitanti hanno di certo conservato qualche cosa di quell’ingegno laborioso che ai loro antenati fece bonificare un territorio inospitale, prevalentemente paludoso, pullulante di zanzare e di malaria, per organizzare un’agricoltura esemplare e in alcuni casi anche prestigiosa. Lodi è un esempio di congregazione umana organizzata in modo da diffondere il buon sapore di un’esistenza cordiale non meno che equilibrata, come deve essere la misura delle rogge e dei canali per irrigare senza allagare. La loro così efficace bonifica di un territorio tanto vasto (oggi comprende 61 comuni) fu il primo esempio in una Europa per molti aspetti ancora “barbara”; eppure a un “barbaro” i lodigiani sono, come abbiamo visto, i soli ad avere eretto un bel monumento. È appunto un segno di equilibrio, quello stesso che si respira passeggiando per le belle vie del centro storico.

 

Luoghi e Itinerari

Tra Lodi e Lodi Vecchio

Lodi
E' una delle più giovani province italiane: è Lodi, diventata capoluogo nel 1993. Le sue origini, però, sono antichissime: a fondare la Lodi odierna sul colle Eghezzone, infatti, è stato Federico I ne…

Continua ›

Il Castello di Sant'Angelo Lodigiano: da castello a museo

Lodi
Il Castello di Sant'Angelo Lodigiano si trova a breve distanza dal capoluogo, Lodi. Sorge sulle sponde del fiume Lambro, in posizione strategicamente favorevole per il controllo del traffico fluviale …

Continua ›

Basilica di Lodi Vecchio

Lodi
Degli antichi splendori di Lodi non rimane che la Basilica di Lodi Vecchio dedicata al santo protettore, che secondo la tradizione fu fondata da lui stesso tra il IV e il V secolo: è la Basilic…

Continua ›

Le cascine di Lodi Vecchio

Lodi
Le cascine di Lodi Vecchio non si limitano a testimoniare l’antica cultura contadina o l’esempio di una tipica architettura, sono anche testimonianza di un laborioso tessuto produttivo che…

Continua ›

Arte e Cultura

Cattedrale di Lodi

Lodi
In stile Romanico e tra le più grandi della Lombardia, la Cattedrale di Lodi è stata costruita proprio nel 1158, anno di fondazione della città di Lodi Nuova, quando Laus Pompeia …

Continua ›

Tempio Civico dell’Incoronata

Lodi
Il Tempio Civico dell’Incoronata è opera di quel Giovanni Battagio ex scalpellino, che lo disegnò ispirandosi al Bramante – della cui scuola egli aveva fatto parte - e ne dir…

Continua ›

Museo Civico di Lodi

Lodi
Fra le mura di Palazzo San Filippo, ex convento dei Filippini costruito del XVIII secolo da Michele e Piergiacomo Sartorio, troviamo il Museo Civico di Lodi – e anche la Biblioteca Laudense. Fu …

Continua ›

Artigianato Locale

La ceramica di Lodi

Lodi
La ceramica di Lodi è un'antica tradizione artigianale che rappresenta un fiore all'occhiello nell'economia e nella cultura di Lodi, una tradizione che trae spunto dalla massiccia presenza di a…

Continua ›

Bellezza e Benessere

Alimento salutare il riso è anche un alleato per la bellezza della pelle

Lodi
Una provincia fortunata quella di Lodi, nota per essere tra quelle che si distinguono per una buona qualità della vita. E come potrebbe essere altrimenti? Il territorio è ricco di oasi naturalistiche …

Continua ›

Enologia

DOC San Colombano

Lodi
La sola produzione di vini DOC della Bassa Milanese è quella circoscritta nella zona collinare di San Colombano al Lambro. Una realtà due volte originale: in primo luogo perché si…

Continua ›

Gastronomia

Formaggi di Lodi

Lodi
I formaggi di Lodi affondano le radici del gusto nelle consuetudini e nelle parole di questa provincia lombarda. Tra i formaggi di Lodi da citare è il Mascarpone che ha preso il nome dalla parola dial…

Continua ›

Il Granone

Lodi
Grana lodigiano o Granone, come lo si chiama da queste parti è sempre e solo prodotto artigianalmente e soltanto con latte crudo e caglio. Gli alimentaristi lo pongono perciò tra i forma…

Continua ›

Lodigiano Terra Buona

Lodi
Il marchio di qualità Lodigiano Terra Buona nasce nel 2004 sia dalla volontà di valorizzare e promuovere la tradizione e le eccellenze del settore agro-alimentare della provincia di Lodi…

Continua ›

Il Panerone

Lodi
Un pregevole formaggio, e di grande delicatezza, è il Panerone, per un nome che deriva da “panna” in dialetto lombardo, cioè “panera” (Ugo Foscolo diede a Milano …

Continua ›

Sport e Natura

Lanca di Soltarico

Lodi
Durante la già menzionata alluvione del 1976 l’Adda straripò, con il risultato di modificare il proprio percorso, nella zona di Casellario, compiendo un cosiddetto “salto di …

Continua ›

Riserva Adda Morta

Lodi
I geologi identificano l’area del lodigiano con il vasto terrazzo alluvionale circoscritto dal basso corso dei fiumi Adda e Lambro. È l’Adda a dare vita al Lario, il lago di Como, e…

Continua ›

Parco regionale dell’Adda Sud

Lodi
Il Parco regionale dell’Adda Sud, nella sua parte a meridione il corso dell’Adda si svolge in mezzo a depositi alluvionali. I terrazzi più antichi, che risalgono all’Olocene, …

Continua ›

Ricette

Büsecchin

È di fondamentale importanza sapere da dove viene il sangue del maiale e sapere con certezza che non ha più di un giorno o due. Prendete una padella di ferro e versate un poco di olio, che q…

Continua ›

Büseca

Riducete a pezzetti le carote, una patata, il gambo di sedano e la mezza cipolla, quindi soffriggete con il burro e 1/2 bicchiere d'olio. La pentola deve avere i bordi alti. Non appena la cipolla…

Continua ›

Frittelle di polenta alla lodigiana

Preparate la polenta, che va salata prima di toglierla dal fuoco; così com'è, a bollore, versatela sulla spianatoia e con un coltello da tavola intinto nell'acqua distendetela per uno spessore di m…

Continua ›

Risotto alla salamella o luganega

Friggete in casseruola mezza cipolla tagliata fine con il burro e un cucchiaio d'olio d'oliva. Una volta dorata la cipolla aggiungete il riso e mescolate per bene; quindi unite la poca salsa di pom…

Continua ›

Pasta al masscarpòn

Fate cuocere la pasta secondo i soliti criteri, cioè in molta acqua, per il tempo di cottura richiesto. Preparate a parte un composto di mascarpone e rosso d'uovo, aggiungendo un poco di sale e una…

Continua ›

Riss e urtiss

Le urtiss vanno consumate prima che la cima si ingrossi troppo, con un aspetto quasi cotonato. Mettete a soffriggere in una pentola il lardo ben battuto, l'olio d'oliva e un cucchiaio di burro. Una…

Continua ›

Farauna al masscarpòn

In una pentola dai bordi alti versate a freddo 2 cucchiai di olio, il burro e, tagliati a pezzetti, il sedano, la carota e la cipolla. Prima di mettere sul fuoco, sistemate nella medesima pentola l…

Continua ›

Strutture consigliate