Guida turistica: Biella

Le Guide Turistiche di OriginalITALY

Introduzione

Biella è rinomata in tutto il mondo per la sua manifattura tessile, con una produzione artigianale d'eccellenza, moderna eredità dell'antica arte dei lanaioli di cui conserva traccia negli opifici sparsi nella zona, oggi visitabili.

La cultura di questo centro cittadino è fruibile anche attraverso un sistema ecomuseale che coinvolge istituzioni, centri ed enti locali della provincia, attenti a valorizzare il territorio, la sua storia e le sue tradizioni. Biella propone ai suoi turisti itinerari che spaziano dalle bellissime Riserve Naturali ai Sentieri del Gusto, solleticato attraverso i vini e i sapori della sua terra.

Non mancano anche percorsi di fede, come le processioni al Santuario d’Oropa per venerare la Madonna nera, o le feste pagane, tutte da scoprire durante i giorni del carnevale. Ne è prova il “processo al rospo”, che Biella fa rivivere il lunedì grasso, durante il quale le due maschere locali Gipin e Catlina processano un rospo, detto babi, che sostiene bugiardamente di essere un bell'uccello. Il rospo era un animale molto conosciuto a Biella, a causa delle pratiche di stregoneria sicuramente diffuse nella zona. Infatti, da alcune specie di ranocchie si ricavano potenti allucinogeni. Biella magica dunque! Tradizionalmente si aggirano nel circondario degli spiriti nefasti, chiamati KerKet, o le Masche, streghe cattive che avvelenano i pozzi dei pastori.

Ma Biella ci sorprende ed è anche una città in cui lo sviluppo culturale è fortemente sentito e valorizzato, tanto da contare ben 3 centri universitari, dalla storica Università Subalpina Popolare, al Politecnico, alla Città Studi Biella. Quest’ultima, fondata per iniziativa delle istituzioni e dell'associazionismo imprenditoriale locale, è polo di cultura industriale, con un Centro Congressi Culturale e una Biblioteca Specialistica. Dal 2001 è promotrice di un premio, il “Biella Letteratura e Industria”, unico nel contesto nazionale, destinato ad un'opera italiana che descriva o analizzi momenti e modelli di trasformazione della società, con riferimento generale alla realtà socioeconomica e specifico alla cultura industriale. 

Luoghi e Itinerari

Da Biella, un itinerario lungo la Via della Fede

Biella
Sulle montagne intorno a Biella si snoda l'interessante 'Via della Fede': non solo un suggestivo itinerario tra santuari cari alla religiosità popolare, ma anche un magnifico percorso nella natura olt…

Continua ›

Il famoso ricetto medievale di Candelo

Biella
Candelo, uno dei 100 borghi più belli d'Italia, nonchè bandiera arancione Touring, è forse il comune più famoso per il turismo nella provincia di Biella. All'interno del Sistema Museale Integrato del …

Continua ›

Cenni storici sulla città di Biella

Biella
Biella fu un importante centro romano d’origine celtica. Il suo nome, Bugella, comparve per la prima volta in un documento dell’826 quando Ludovico il Pio, imperatore del Sacro Romano Impe…

Continua ›

Parco della Burcina

Biella
Parco della Burcina è un parco-giardino sito sull'omonimo Bric Burcina (“Bric” significa piccola collina e deriva dalla radice celtica “Brig”, che esprime appunto altura…

Continua ›

Valle Sessera

Biella
La Valle Sessera offre innumerevoli attrattive turistiche, non solo per la bellezza dei suoi panorami, aspri e selvaggi, ma anche per l'importanza delle sue borgate e della tradizione operaia. Il…

Continua ›

Arte e Cultura

Il Museo del Territorio Biellese: una regione in mostra

Biella
Il Museo del Territorio Biellese trova spazio nel cinquecentesco chiostro di San Sebastiano di Biella. Il termine Museo del Territorio Biellese implica un'attenzione privilegiata per la storia e la cu…

Continua ›

Battistero di Biella

Biella
Il Battistero di Biella risalente alla metà del X secolo, è stato edificato sui resti di un antico sepolcreto romano ed è composto da ciottoli disposti a spina di pesce, da m…

Continua ›

Campanile di Santo Stefano

Biella
Dell’antica Chiesa di Santo Stefano, demolita nel 1872 per far posto all’attuale casa parrocchiale, resta oggi soltanto il Campanile di Santo Stefano costruito in stile romanico. Alto 52,6…

Continua ›

Duomo di Santo Stefano

Biella
Il Duomo di Santo Stefano, dedicato al patrono della città dopo la demolizione dell’antica chiesa, fu realizzato a partire dal 1402.La sua edificazione venne avviata per rispettare un vot…

Continua ›

Artigianato Locale

Nel Biellese lungo la Strada della Lana

Biella
Una delle più solide tradizioni produttive del Biellese è la realizzazione di filati e tessuti di lana. Tradizione che, nel tempo, si è evoluta a livello industriale portando Biella e la sua provincia…

Continua ›

Artigianato biellese

Biella
L’artigianato biellese riprende tutti i materiali tipici della tradizione piemontese con cui sono prodotti mobili, suppellettili, utensili d’uso quotidiano, guardando sia al passato che al…

Continua ›

Bellezza e Benessere

Oasi Zegna, paradiso per gli sportivi e gli amanti della contemplazione

Biella
Nel biellese orientale c'è un ampio territorio in cui il rapporto tra uomo, cultura della montagna e natura ha assunto un significato particolare: è l'Oasi Zegna che si estende per circa centro chilom…

Continua ›

Enologia

Vini DOC biellesi

Biella
Per accompagnare i piatti tipici, nel Biellese sono riconosciuti cinque vini DOC biellesi: il Bramaterra, il Lessona e il Coste del Sesia, prodotti nelle zone orientali, il Canavese e l’Erbaluce…

Continua ›

Gastronomia

Riso di Baraggia la specialità di Biella

Biella
Il riso di Baraggia comprende quelle varietà di cereale che nel corso dei secoli hanno allignato nella zona della Baraggia, ricca di acque irrigue e perciò diversa dalle altre zone risicole del Piemon…

Continua ›

Toma piemontese

Biella
Il Piemonte è da sempre terra di grandi formaggi e ha legato il suo nome a numerose produzioni tipiche che caratterizzano il suo territorio. Tra queste va ricordata la Toma piemontese, un forma…

Continua ›

Maccagno

Biella
Un formaggio gustoso e tipico del biellese è il Maccagno che deriva il proprio nome dall’omonimo alpeggio, situato in Valsesia, tra la Provincia di Vercelli e quella di Biella. Il tipo di…

Continua ›

Canestrej

Biella
I Canestrej sono cialde al cioccolato cotte tra le ganasce di un ferro arroventato. Ingredienti indispensabili per la preparazione dei canestrej sono farina, burro, zucchero, cacao, uova, vi…

Continua ›

Sport e Natura

Trail nel Biellese per correre in montagna

Biella
Scoprire da vicino la bella e protetta natura delle vette del Piemonte orientale e nello stesso tempo allenarsi su panoramici itinerari nella natura delle Alpi e delle tante riserve protette della zon…

Continua ›

La Baraggia biellese

Biella
Le Baragge costituiscono una riserva suddivisa fra le province di Biella, Novara e Vercelli. Il termine "baraggia" indica un ambiente boscoso con esemplari più o meno radi di querce, betulle, c…

Continua ›

Santuario di Oropa

Biella
La conca di Oropa, preservata nei secoli da qualsiasi contaminazione urbanistica, costituisce, con le sue 800 specie floristiche, un suggestivo sfondo al complesso monumentale del Santuario di Oropa. …

Continua ›

Il ricetto

Biella
Il ricetto è una tipica struttura del Piemonte, la più nota è situata a Candelo. Il ricetto è una fortificazione collettiva voluta dalla popolazione tra il ‘200 e il …

Continua ›

La Bessa

Biella
La Bessa ha un aspetto inconsueto, quasi lunare. Deve la sua origine ad un’antica attività estrattiva finalizzata alla ricerca dell’oro. Istituita come Riserva Naturale Speciale, si…

Continua ›

Ricette

Fiori di zucca ripieni su specchio di crema alle zucchine

Lavare accuratamente i fiori di zucca, eliminando i pistilli e il gambo, poi asciugarli in un canovaccio. In una terrina mettere la carne trita cruda e il salamino e impastare uniformemente. Aggiunger…

Continua ›

Mocetta di Paletta di Coggiola Settepiù con fonduta di Margot

Affettare finemente la Mocetta di Paletta di Coggiola Settepiù. Tagliare 4 fette di formaggio eliminandone la crosta. Tagliarle a pezzetti per facilitare la fusione. In un pentolino sciogliere il pez…

Continua ›

Carpaccio di fassone con salsa di bagna caoda

Lavare accuratamente le acciughe, eliminandone il sale e le lische. Prendere una pentola di terracotta, mettere le acciughe, l'olio e gli spicchi d'aglio e cuocere a fuoco lentissimo per un'ora e mezz…

Continua ›

Gnocchi di polenta al prosciutto della Paletta di Coggiola

Passare la polenta fredda nello schiacciapatate, poi aggiungere all'impasto ottenuto i tuorli d'uovo, il sale e la farina al setaccio. Impastare energicamente affinché gli ingredienti si amalga…

Continua ›

Crespelle alla valsesiana ripiene di cotto e toma Maccagno

Preparare la pastella per le crespelle versando in una terrina parte del latte e aggiungendo poco alla volta la farina setacciata - mescolare aiutandosi con una frusta per evitare di formare grumi. Ag…

Continua ›

Risotto Carnaroli alle rane e timo

Preparare un brodo vegetale con cipolla, carota e sedano e tenere da parte. Pulire e lavare accuratamente le rane, poi aggiungerle al brodo vegetale e fare bollire per una mezz'oretta circa, avendo cu…

Continua ›

Trote di montagna al burro e santoreggia su letto di polenta

In un paiolo di rame portare l'acqua a ebollizione e versare la farina di polenta, continuando a mescolare energicamente per non formare grumi. Aggiustare di sale poi, a fuoco medio, lasciare cuocere …

Continua ›

Filetto di Fassone con salsa all'aceto balsamico al profumo di rosmarino e sale nero delle Hawaii con patate saltate

Pelare le patate, tagliarle a tocchetti e dopo aver scaldato un po' di olio extra vergine d'oliva in una padella antiaderente, aggiungere le patate, salare e pepare. Scaldare bene la piastra a fuoco v…

Continua ›

Prosciutto della Paletta di Coggiola con polenta abbrustolita

Avvolgere il Prosciutto della Paletta in un canovaccio e dopo aver portato a ebollizione i 4 l d''acqua, cuocere per 2 ore e mezza. Intanto scaldare in un paiolo di rame 4 litri di acqua, salare e por…

Continua ›

Pesche ripiene al cioccolato e amaretti di Mombaruzzo con gocce di sciroppo di Mugolio

Lavare bene le pesche e tagliarle a metà. Dopo aver tolto il nocciolo, con un cucchiaino da caffè scavare la polpa, ricavando delle piccole tazzine. In una terrina mettere tutta la polpa e schiacciarl…

Continua ›

Canestrelli di Crevacuore con salsa alla cannella

Mescolare tra loro gli ingredienti in polvere, setacciando la farina, il cacao amaro e quello dolce, la vanillina e grattare la noce moscata. Quando saranno ben amalgamati tra loro, aggiungere lo zucc…

Continua ›

Pastiss d'urioij rivisitato

Lavare bene i mirtilli e schiacciarli con una forchetta insieme allo zucchero, oppure frullarli grossolanamente in un mixer. Intanto in un pentolino versare la panna con l'agar agar e cuocere a fuoco …

Continua ›

Pulenta cunscia

In un paiolo portare all'ebollizione l'acqua e il latte con un pugno di farina. Aggiungere il sale e poi, a pioggia, la farina rimestando energicamente per evitare la formazione di grumi. Bollire per …

Continua ›

Ris an cagùn

Imbiondire il riso e l'aglio con il burro, versare il vino bianco e fare evaporare. Portare a giusta cottura aggiungendo il brodo poco alla volta. Aggiungere il formaggio tagliato a pezzetti e farlo f…

Continua ›

Bagna cauda

Tritare finemente l'aglio e immergerlo per 1 ora nel latte, per facilitarne la digestione, quindi metterlo in un tegame di cotto, insieme alle acciughe dissalate e diliscate a pezzetti e le altre verd…

Continua ›

Acciughe al verde

Prendete le acciughe, pulitele bene dal sale, togliete la lisca, lavatele in acqua e aceto e asciugatele. Preparate un trito di 1 spicchio d'aglio, prezzemolo, 1 peperoncino e un pò di mollica di pane…

Continua ›

Frittata Rognosa

Tritate il salame cotto e la carne dell'arrosto di vitello con la mezzaluna. Sbattete con la frusta le uova intere poi unite il trito di salame e arrosto, il parmigiano grattugiato e il sale. Amalgama…

Continua ›

Strutture consigliate

Albergo Ristorante Fontana San Rocco

Albergo Ristorante Fontana San Rocco

13864 Crevacuore ( BI )
Via Monte Orfano, 25
Dista 0,87 km dal centro