Nel variegato territorio campano, dalle zone costiere lungo il Tirreno si passa ai territori montuosi fino alle pendici vulcaniche. Se la superficie coltivata a vite, in Campania, è alquanto limitata, l'agricoltura si sviluppa su più piani, consentendo uno sfruttamento intensivo delle aree, che producono vini pregiati. Lo testimoniano le fascette di ben tre DOCG quali il Fiano di Avellino, il Greco di Tufo e il Taurasi. In questo contesto, Napoli fa la sua bella figura con le Doc che evocano incantevoli paesaggi: Campi Flegrei, Capri, Ischia, Penisola Sorrentina. Prendiamo, come esempio emblematico, il nobile albero genealogico di Campi Flegrei, denominazione diffusa nell'intero territorio dei comuni di Procida, Pozzuoli, Bacoli, Monte di Procida e Quarto e in parte di quelli di Marano e Napoli. Le uve, prodotte su terreno vulcanico ricco di ceneri, lapilli, pomici, tufi e microelementi, trasmettono ai vini aromi e sapori eccellenti. Una caratteristica peculiare dei Campi Flegrei è la pianta di vite da cui deriva, detta a piede franco. Si tratta di una vigna originaria, la "Vitis vinifera", non innestata su ceppi di vite americana. La vite è coltivata ancora oggi su piede franco, senza porta innesto. Infatti nei Campi Flegrei, la particolare struttura del terreno vulcanico impedisce agli insetti di sopravvivere, poichè i grani, sciolti e grossolani, impediscono alle larve di poter scavare percorsi e gallerie. Ancora oggi, il metodo di coltivazione avviene per propaggine, piantando nel terreno la nuova vite, successivamente separata dalla pianta madre, consentendo di mantenere inalterata, per una sorta di donazione naturale, il bagaglio genetico delle viti originarie. Il Piedirosso (o Per'e Palammo) Campi Flegrei è un antichissimo vitigno campano, già apprezzato ai tempi della Baia Imperiale e citato anche da Plinio il Vecchio. Prende il nome dal colore del suo graspo, uguale a quello della zampa del colombo e quindi conosciuto localmente come Per'e Palummo. È un vino da pasto che si presenta di colore rosso rubino intenso, al naso si avvertono odori di ciliegia, lampone, rosa ed al palato giunge morbido e corposo. È ottimo con arrosti e paste al sugo, bolliti e formaggi stagionati.

Per saperne di più

Consorzio di tutela dei vini Campi Flegrei c/o Camera di Commercio di Napoli
Via S. Aspreno, 2
80133 Napoli
Tel. 081.4288445
www.napolitudine.com/Consorzio/Consorzio.htm