Contrariamente a quanto pensano tutti quelli che considerano Milano solo la città dello smog, il capoluogo meneghino offre diverse possibilità di contatto con la natura, sia nel suo territorio metropolitano - dove si trova ad esempio il polmone verde del Parco delle Cave - sia nelle immediate vicinanze della città. La zona nord della provincia milanese ad esempio ospita una storica riserva naturale lombarda, ovvero quel Parco delle Groane che è raggiungibile imboccando la SS35 Milano-Meda e seguendo poi i tanti cartelli segnaletici. Nel parco è ospitata una vegetazione davvero ricca che è caratterizzata da estese brughiere, considerate dai naturalisti tra le più meridionali d'Europa, e da ampi boschi di pini silvestri, betulle e querce. Proprio tra queste vaste brughiere - come quelle di Castellazzo, Cà del Re e Seveso - punteggiate di erica, genziane e salici ma anche, e soprattutto, tra i boschi fitti come quello di Cesate, si distendono percorsi di trekking a piedi lunghi e brevi che permettono di respirare a pieni polmoni nella natura, trovandosi a meno di 30 km da piazza del Duomo (info Consorzio Groane, tel. 029698141).

Tre sono gli itinerari da non perdere. Il sentiero della Foppa di San Dalmazio innanzitutto, percorribile in poco più di un'ora e situato nei pressi di Varedo e Solaro. Qui si ammirano vari arbusti rari, come la frangola, e un'antica cava di argilla (la cosiddetta "foppa") che forma uno stagno circondato da castagni, felci e tife. Il secondo percorso, lungo il quale si cammina per circa due ore e che è raggiungibile comodamente da Cesate e Garbagnate Milanese, attraversa il Bosco di Cesate per raggiungere il Laghetto Manuè, altro stagno dove si scoprono colonie di rari anfibi, come le rane di Lataste e i tritoni. Ultimo spunto di trekking nel Parco delle Groane è quello suggerito dal percorso di 45 minuti che, partendo da Misinto, attraversa i cosiddetti Boschi di Sant'Andrea. Si attraversano passeggiando alcuni fitti tratti di boschi di robinie e betulle, davvero suggestivi.
Ritornando verso il centro di Milano per pensare al soggiorno, naturalmente si trovano vari alberghi dall'ottimo rapporto qualità prezzo: uno di questi è l'Hotel San Francisco situato proprio nella parte settentrionale della città. Affamati invece dopo le lunghe camminate nella brughiera delle Groane, si può fare una piccola deviazione sempre all'interno della zona nord nordest della periferia milanese e raggiungere Biassono. Nel piccolo comune posto proprio alle porte di un'altra grande riserva verde lombarda, il Parco di Monza, si trova infatti l'Osteria 1927, locale che serve tanti piatti della tradizione milanese e brianzola. Per chi vuole invece, dopo tanto verde, mangiare tra i palazzi storici in centro a Milano, ecco un altro indirizzo nei pressi di Porta Venezia: è il Ristorante Da Ilia dove si gustano ricette provenienti da diverse parti d'Italia.

Crediti per le foto
Archivio Parco delle Groanekart foto gara 2007