Il Parco più bello d'Italia, è un concorso ma soprattutto un percorso all'insegna dell'eleganza e della bellezza, che tocca dieci gioielli da non perdere, selezionati tra oltre 90 tra i più bei parchi italiani. È un concorso internazionale, nato in America, negli anni ‘90.Nel 2003 il concorso è stato esportato in Europa. I Paesi in cui si è svolto annualmente sono Germania, Inghilterra, Francia, Svezia e, naturalmente, Italia, dove ogni anno i più bei parchi e giardini nazionali hanno concorso per il titolo. Dall'anno 2007 è stato introdotto un premio tra tutti i vincitori nazionali, per eleggere il Parco più bello d'Europa.

Il primo parco a vincere il riconoscimento europeo, nel 2007, è stato Villa d'Este a Tivoli, mentre la seconda edizione europea del concorso è stata vinta dal Pollok Country Park, in Inghilterra.Il riconoscimento nazionale, invece, è andato all'Isola Bella dei Borromeo, sul Lago Maggiore. Per quanto riguarda l'edizione 2008, sono appena stati eletti i 10 finalisti delle varie edizioni nazionali. Tra questi ogni nazione sceglierà, entro l'estate, il vincitore nazionale, che avrà poi il diritto di partecipare all'elezione del Parco più bello d'Europa 2009. Il vincitore italiano 2008 sarà quindi eletto entro la fine di luglio 2008.

Possono partecipare, al prestigioso concorso, i proprietari di parchi o giardini, per le nomination si seguono questi criteri:- interesse storico-artistico;- interesse botanico;- stato di conservazione;- programma di gestione e manutenzione;- servizi, accessibilità e informazione;- pubbliche relazioni. I dieci giardini selezionati, quest'anno, appartengono a varie regioni d'Italia, dal nord al sud. La Liguria è rappresentata quest'anno da Villa Durazzo Pallavicini a Pegli e dal suo meraviglioso parco, una delle più alte espressioni di giardino romantico ottocentesco, con sentieri lungo i quali sono presenti architetture neoclassiche, neogotiche e cinesizzanti.
Del Veneto fanno parte due gioielli. Il primo è Villa Pisani a Stra, imponente e monumentale apice dell'architettura settecentesca, dove il fasto del Barocco si coniuga con l'armonia della classicità. L'immenso parco costituisce un mondo autonomo caratterizzato da gruppi scultorei e suggestive costruzioni. Il secondo è l'incantevole Giardino Giusti a Verona con aiuole, statue, scalinate e grotte artificiali. La Toscana è rappresentata da ben tre giardini, tutti di particolare bellezza ed eleganza. Il Giardino Bardini di Firenze presenta una grande scalinata barocca contornata da terrazzamenti di piante officinali e ornamentali, che conduce allo splendido belvedere sulla città di Firenze. Altro belvedere sulla città è costituito dai meravigliosi giardini all'italiana di Villa Gamberaia a Settignano: il visitatore può contemplare il paesaggio circostante sentendosi immerso nel cuore della Toscana. Nei dintorni di Lucca è il grandioso complesso della Villa Reale di Marlia, residenza nei secoli di nobili famiglie e di grandi mecenati d'arte. Restaurato agli inizi del Novecento, comprende boschi, ruscelli e un lago che fanno da romantico completamento alla serie di giardini classici all'italiana. Anche il Lazio è ben rappresentato da tre splendidi parchi.Il primo, Villa Lante a Bagnaia, rappresenta una delle maggiori realizzazioni del Cinquecento con fontane, giochi d'acqua, una zona di parco e uno splendido giardino formale.
Anche il Castello di Vignanello presenta un elegantissimo "parterre" che ha conservato intatta la sua struttura originaria: uno spazio rettangolare attraversato da viali ortogonali e suddiviso in dodici riquadri con bordure di bosso, alloro e lauroceraso. Meno rigore formale e più spazio a un impianto spontaneo e informale nella nostra terza tappa laziale, il Giardino di Ninfa, con sentieri sinuosi che volteggiano tra pietre e acqua, scorci e vedute, nel massimo rispetto degli equilibri dell'ecosistema; tutto sapientemente curato in nome dell'armonia della vegetazione. Scendiamo in Campania per la maestosa tappa conclusiva, il giardino della Reggia di Caserta, proclamata patrimonio dell'umanità dall'Unesco, con una grandiosa cascata d'acqua, fontane e vasche, un giardino all'italiana e un giardino all'inglese. Con i suoi circa 2,5 km di lunghezza, è uno dei giardini più grandi d'Europa.

Rosanna Fudoli