Un territorio di grandi tradizioni agricole quello cremonese. Dove tuttavia non si produce solo latte, formaggio e salumi. Sapevate che proprio qui sorge un distretto che produce sul territorio regionale il 60 % del fatturato italiano della cosmesi? Quello cosmetico è un settore in continua evoluzione tecnologica, dove formazione, ricerca e innovazione rappresentano leve fondamentali per promuovere lo sviluppo dell'intero comparto.
Da questa consapevolezza e con il coordinamento di Reindustria, Agenzia di Sviluppo locale della provincia di Cremona, è nato nel 2005 il Polo Tecnologico della Cosmesi, che conta oggi oltre 130 piccole e medie imprese. Aziende in gran parte connotate da flessibilità, innovazione tecnologica, creatività, che hanno deciso di fare squadra per affrontare ben attrezzate la competizione sui mercati internazionali. È in particolare la città di Crema che vede concentrarsi il maggior numero di aziende del settore con 2350 addetti, compreso l'indotto. Aziende quali Deborah Italia, Gamma Croma, la Landoll, specializzata nella produzione di trattamenti per la cura dei capelli, la Lemi, produttrice di attrezzature per SPA e centri estetici, sono solo alcune tra le aziende che fanno capo al Polo tecnologico.
Accesso a corsi di formazione gratuiti, partecipazione a seminari di formazione continua, innovazione dei processi produttivi, possibilità di creare marchi e brevetti, partecipazione a fiere di settore nazionali e internazionali, sono tutti vantaggi che derivano dalla partecipazione al Polo, sia per ottenere maggiore visibilità sia per incrementare la qualità del prodotto finale.
In questo processo di continuo miglioramento anche la formazione gioca un ruolo strategico al punto che la Regione Lombardia ha finanziato la creazione di un Polo Formativo della Cosmesi, per formare risorse umane dotate di conoscenze e competenze specifiche e qualificate. Due i corsi IFTS avviati: "Tecnico superiore per l'industrializzazione del prodotto e del processo" e "Tecnico superiore commerciale/ marketing/organizzazione delle vendite". Accanto a questi è stato creato un percorso formativo dedicato alla norme ISO e alle normative GMP (Good Manufacturing Practices).
Quali obiettivi per il futuro? Ampliare il numero di aziende che fanno parte della filiera produttiva della cosmesi e promuovere il marchio "made in Lombardy" e le sue eccellenze è ciò che si propone il Polo Tecnologico della Cosmesi.

Per saperne di più

www.polocosmesi.com