Pisticci si trova in una posizione pittoresca, collocato su tre colline caratterizzate da profonde scanalature, i calanchi. Questo rende Pisticci un’originale meta per un itinerario culturale in provincia di Matera. Anche se il territorio di Pisticci lo colloca in un panorama quasi unico, bisogna notare che è anche stato motivo di terribili distruzioni nel corso degli anni. Infatti, a causa della natura del terreno, Pisticci è stata spesso interessata da fenomeni di dissesto idrogeologico e frane che hanno segnato la sua storia. Le numerose frane che si sono succedute a Pisticci e che danno il nome anche ad un borgo, il “borgo del Dirupo”, hanno trasformato il paesaggio intorno. Sembra impossibile che Pisticci sia stata un tempo un importante centro agricolo della pianura di Metaponto tanto che lo stemma cittadino consisteva in una spiga di grano: infatti la spiga era il simbolo stesso di Metaponto ed era effigiata sulle monete della colonia greca. Nell’antichità Pisticci ha legato il suo nome proprio al periodo della colonizzazione magnogreca, poiché qui, tra il V e il IV secolo a.C., visse e operò il cosiddetto Pittore di Pisticci, primo ceramografo italiota ad aver adottato in Magna Grecia la produzione di vasi a figure rosse. Arriviamo al secolo XVII per assistere ad una frana di enormi proporzioni che fece sprofondare i rioni Casalnuovo e Purgatorio, modificando completamente il panorama di Pisticci. A seguito dell’evento nacque un nuovo borgo che prese appunto il nome di rione del Dirupo, a ricordo della frana. Nel territorio di Pisticci fu realizzato nel ventennio un campo di confino per antifascisti, impiegati per disboscare e bonificare la malarica e paludosa pianura metapontina. In onore di Guglielmo Marconi questo campo venne chiamato "Villaggio Marconi" ed oggi è la popolosa frazione di Marconia, che ospita circa la metà dell'intera popolazione comunale. Davvero tipico l’impianto urbanistico dalle forme razionaliste e squadrate secondo lo stile fascista.

Per maggiori informazioni

www.comune.pisticci.mt.it