Il Comune di Gela è uno degli insediamenti più antichi della Sicilia. La cittadina deriva il suo nome dalla pianura circostante, la Piana di Gela e dall’ampio golfo su cui si affaccia, il più vasto dell’Isola. Il suo valore deriva dall’essere stata antica polis della Magna Grecia, che quindi porta, ancora oggi, i segni di una profonda e radicata cultura, visibili nelle sue emergenze architettoniche, come la Torre di Manfria, i Bagni Greci, il porto antico con i resti di una nave arcaica, e l’antica Acropoli, che sorge su una collina vicino al mare, ma soprattutto custoditi nel Museo Archeologico, che ospita più di 4 mila reperti.

La Piana di Gela è la seconda per estensione in Sicilia, racchiusa tra la fascia costiera e i comuni dell’interno: Butera, Mazzarino, Niscemi e Acate. Solcata da torrenti e fiumi, comprende anche un lago, il Biviere di Gela, uno dei pochi laghi naturali della Provincia.