Vini e Strada sono, nella provincia di Messina, un itinerario nella bellezza e nel gusto tra i più incantevoli che si possano incontrare. Tanto per cominciare, si affaccia su due mari, è immersa nell'incontaminato territorio della catena montuosa dei Peloritani e si prolunga nelle isole Eolie.

Tre i percorsi per tre DOC

Il percorso del Mamertino si snoda nei territori della zona tirrenica e in alcuni comuni della zona ionica. Il percorso del Faro attraversa i luoghi sovrastanti le colline dello Stretto di Messina, mentre quello della Malvasia delle Lipari si sviluppa nelle Isole Eolie.

 

Per avere un'idea di come "bere" il paesaggio, i tre itinerari incrociano, sul versante nord-orientale dell'isola, Milazzo, Santa Lucia del Mela, Furnari, Patti e, nell'arcipelago delle Eolie, Salina con i piccoli centri di Lena e Malfa. Le vigne qui prosperano da secoli, come testimonia il Faro, un rosso che si produceva nell'età Micenea, un blend di Nerello Mascalese, Nocera e Nerello Cappuccio. È prodotto esclusivamente nel comune di Messina, ha colore rosso rubino tendente al mattone con l'invecchiamento;odore etereo, persistente, sapore secco e armionico di medio corpo, si usa da pasto. Il Mamertino ha come illustre antenato il Mamertinum, segnalato da Plinio il Giovane tra i migliori del tempo.

La Doc include vini bianchi (da uve Grillo e Ansonica) e rossi con uve prevalenti di Nero d'Avola. Del Malvasia racconta persino Diodoro Siculo nel I secolo a.C. Fra le molte Malvasie italiane, quella di Lipari è tipica delle Eolie; di queste, l'isola maggiore ha dato il nome al vitigno e al vino. Se ottenuto da uve fresche ha colore giallo dorato e odore aromatico; quando si unisce ad una piccola quantità di Corinto nero e si fanno appassire, nasce un nettare passito e liquoroso, dal colore giallo dorato ambrato, odore aromatico caratteristico, sapore dolce aromatico. Il passito dolce naturale ha gradazione minima di 18 °, il liquoroso di 20°...ed è gioia pura da dessert.