Per quanto riguarda i dolci, il miele e le mandorle sono tra i principali ingredienti della pasticceria siracusana. È il caso, ad esempio, della giuggiulena, un torrone preparato con sesamo, miele e mandorle.

I cannoli e la cassata sono tra i dolci più conosciuti della pasticceria siracusana. La cassata siracusana si differenzia da quella palermitana per l'assenza di glassa e per la composizione a strati di pan di Spagna, ricotta e cioccolato.

Come già accennato prima, il torrone è un dolce diffuso in tutta l’isola, legato in particolare alle feste popolari. Originariamente era confezionato solo con mandorle, miele e semi di sesamo; oggi ne esistono molte varietà.

Un dolce tradizionale della pasticceria siracusana legato alla città di Siracusa è la cuccia, specialità nata durante la carestia del 1646, quando giunse una nave carica di frumento. Così tanta ricchezza, in tempo di carestia fu intesa come miracolo e attribuito a Santa Lucia. Da qui la tradizione, ogni 13 dicembre, di consumare questo dolce a base di grano. Per la preparazione della cuccia, i chicchi del grano sono lasciati per tre giorni in una pentola con l’acqua, poi si cuociono e sono, quindi, mescolati con crema di ricotta o crema di latte, pezzetti di cioccolato e zuccata.