Alla periferia di Bologna c'è un parco che prende il nome dagli affioramenti di gesso cristallino e dai calanchi che sono l'espressione minerale più caratteristica della zona.Il complesso carsico dei gessi bolognesi, contraddistinto da doline, inghiottitoi e valli cieche, è noto per la sua suggestiva bellezza, una bellezza che si manifesta in forme erosive di straordinaria spettacolarità e in cavità in cui trovano rifugio le specie animali e vegetali che popolano questo parco.
Il parco si estende su una superficie di 5.000 ettari in cui è possibile ammirare una vegetazione che solitamente è descritta con l'appellativo di "mosaico", richiamando i passaggi da una natura arida ed assolata a fresche valli ombrose.
Grande importanza il sistema delle grotte, in passato esplorato da studiosi, che ha portato alla luce reperti fossili conservati presso il Museo Archeologico L. Donini e, in particolar modo, la grotta della Spipola che ospita un mondo suggestivo visitabile accompagnati da personale specializzato. Sebbene il territorio non sia particolarmente adatto alle coltivazioni, siamo nella regione a più elevata propensione agroalimentare che, nonostante le sue difficoltà, è riuscita a sviluppare un tipo di agricoltura biologica.

Sede del parco

San Lazzaro di Savena (Bo)
Località FarnetoVia Jussi, 171
Tel. 051 6251934 - Fax 051 6254521
E-mail: parcogessi@tin.it