Un percorso lungo le Crete Senesi attraverso l'arte e le opere di uno scultore che ha profondi legami con questo territorio: Jean-Paul Philippe. È questo l'itinerario che Apt Siena e i Comuni di Asciano, Rapolano, San Giovanni d'Asso, Buonconvento e Monteroni d'Arbia promuovono in occasione della mostra "Archeologie interiori", che fino al 14 settembre ripercorre, al Santa Maria della Scala di Siena, gli ultimi trent'anni dell'attività artistica dello scultore francese. Si intitola "Jean-Paul Philippe. Archeologie interiori nel cuore delle Crete Senesi" il viaggio che dal Santa Maria della Scala si snoda lungo le Crete, in un territorio che per Philippe è stato fonte di ispirazione e cui ha legato gran parte della sua vita e delle sue opere. A cominciare dal Site Transitoire, scultura-installazione che dal 1993 svetta sul colle di Leonina, nel comune di Asciano, e che Philippe ha dedicato alla straordinaria natura delle Crete Senesi dopo esserne rimasto incantato in occasione di un soggiorno a Rapolano, terra del travertino che l'artista ha plasmato in tante sue opere. È proprio a Rapolano che, agli inizi degli anni ‘90, Philippe sceglie di vivere, rapito dal sentore pungente di "terra bagnata" sprigionato dal travertino, ed è qui che dà forma al Site Transitoire. Dal colle di Leonina e dalle sue pietre, che disegnano una dimora senza mura dalla soglia invisibile nel cuore delle Crete, il viaggio prosegue verso Asciano, dove nel Palazzo Corboli sono custoditi i simulacri in miniatura del Site Transitorie: La Sposa delle Crete, il primo bozzetto preparatorio realizzato in gesso, e il bozzetto vero e proprio, in piombo e stagno. L'itinerario si conclude a Rapolano, in un ideale ritorno alle origini di quella fascinazione che ha portato Philippe ad eleggere le Crete a luogo di arte e vita.L'esposizione al Santa Maria della Scala mostra il frutto di questo percorso, le opere intime e al tempo stesso monumentali di Philippe, quelle "archeologie interiori" fatte di tracce di incontri e viaggi in cui è forte l'impronta lasciata dalle Crete nel cuore e nelle mani dell'artista. Per maggiori informazioni: http://www.santamariadellascala.com/

Per saperne di più

www.terresiena.it
www.comune.siena.it