La "Signora del Barocco": è così che viene chiamata Lecce, tributo dovuto allo stile predominante in questa che è una delle più belle città d'arte italiane. Stile che ha visto la sua età più felice nel Seicento, secolo a cui occorre far risalire la maggior parte delle chiese e dei palazzi cittadini, sempre contraddistinti da linee architettoniche originali, che non hanno eguali in nessuna altra parte d'Italia e del mondo. 

Ed è appunto in questa originalità che si concentra tutto il valore artistico e culturale del cosiddetto "Barocco leccese" che, sfruttando le potenzialità decorative della pietra leccese e la paziente abilità artigianale degli scalpellini locali, ha dato vita a straordinari capolavori la cui fine ed elegante lavorazione ricorda quella preziosa delle trine e della filigrana: nacquero così gioielli in pietra sotto forma di colonne, balaustre e trafori ispirati alla tradizione contadina oltre che a motivi classici del ceto erudito.

Un itinerario turistico cittadino che porti a scoprire il meglio delle bellezze nel centro storico di Lecce, non può che partire da piazza S. Oronzo, dominata dal "Sedile" rinascimentale: è sufficiente affacciarsi dal parapetto, per vedere l'eclittico Anfiteatro romano. 

Accanto al Sedile, c'è la Chiesa di San Marco mentre, al centro della piazza, troneggia la Colonna Romana con la statua in bronzo del Santo patrono. Vicino all'Anfiteatro, si trovano la Chiesa di San Giuseppe e il magnifico Castello di Carlo V, austero e maestoso con la sua cinta muraria. 

Ancora qualche passo, ed eccoci davanti alla Fontana dell'Armonia, con i due innamorati che bevono da una conchiglia.Se ci si sposta da piazza S. Oronzo a piazza Duomo, una delle piazze più belle d'Europa, si resta subito affascinati dal raffinato equilibrio urbanistico in cui si alternano veri gioielli architettonici: la Cattedrale della Madonna Assunta, il Campanile alto più di 70 metri, il rinascimentale Palazzo Vescovile e il Palazzo del Seminario con la facciata decorata e lo splendido chiostro. 

Ma sono ancora molte le testimonianze artistiche che vale la pena di conoscere e che fanno di Lecce una città unica: dalla Porta Rudiae, con le statue del Patrono, di Sant'Irene e San Domenico, alla Chiesa del Rosario celebre per il suo altare del presepe, dall'ex Ospedale dello Spirito Santo al Conservatorio di Sant'Anna, dalla Chiesa di Santa Teresa al medioevale quartiere delle Giravolte. E poi ancora: il Teatro Comunale Paisiello che ospita poco più di 300 posti, i settecenteschi palazzi di via Palmieri, la Chiesa delle Alcantarine e quella di Sant'Angelo, la normanna Chiesa di San Giovanni Evangelista e il Monastero delle Benedettine...

Da vedere

Museo Provinciale Sigismondo Castromediano
Viale Gallipoli 28
tel. 0832683503
Ingresso gratuito
Orari: tutti i giorni, escluso la domenica pomeriggio, dalle 9 alle 13,30 e dalle 14,30 alle 19,30. 

Museo del Teatro Romano annesso al teatro e allestito dalla Fondazione Memmo
via degli Ammirati
tel. 0832279196 
Orari: dal lunedì al sabato 9,30-13

Museo Diocesano d'Arte Sacra
piazza Duomo
tel. 0832244764
Orari invernali: 9,30-12 e 16,30-18,30
chiuso domenica
Orari estivi: 9,30-12 e 16,30-18,30
domenica aperto

Museo Missionario Cinese e di Storia Naturale
via Monte San Michele 4
tel. 0832314101 
Visite su prenotazione. 

Pinacoteca d'Arte Francescana
via Imperatore Adriano 79
tel. 0832455009