I marinai dei tempi antichi, Fenici, Greci e Romani, portavano a queste isole il grande rispetto che si deve alla casa di un dio, Eolo il signore dei venti, il quale secondo la mitologia aveva la sua dimora proprio tra le rocce arroventate dei vulcani che compongono le Isole Eolie. Una di esse poi, Stromboli, veniva considerata - sempre grazie alla presenza del suo vulcano sempre attivo e quindi visibile a km di distanza perchè infuocato - come il faro del Mediterraneo, la luce che indicava ai naviganti la rotta attraverso lo stretto di Messina.

E ancora oggi gli appassionati di vela e diporto non si lasciano sfuggire l'occasione di fare rotta verso queste acque della Sicilia orientale, inserite nella provincia di Messina, per venire in crociera a scoprire quelle che sono anche soprannominate le sette perle del Mediterraneo.

 

Alicudi, Filicudi, Salina, Stromboli, Panarea, Lipari e Vulcano sono infatti il posto giusto per rilassarsi il più possibile godendosi paesaggi unici al mondo. Arrivare qui in barca se se ne possiede già una e si è esperti marinai è semplice. Ma non è difficile nemmeno noleggiare una vela in loco, magari completa di equipaggio, per fare una crociera di un weekend, una settimana o più tra le coste protette dal dio Eolo.

Con Lipari Yacht Club è semplicissimo noleggiare barche con skipper che seguono itinerari sempre diversi, con partenza e arrivo al porto di Lipari. La rotta infatti può essere tracciata prima o la si può anche far decidere al vento e al mare. Sia che si venga guidati da un marinaio esperto, sia che si sia al timone della propria barca, una vacanza alle Eolie è una sorpresa ogni giorno più grande. Come proprio a Lipari, dove una dopo l'altra si succedono profonde grotte, splendide spiagge, alte coste, ampie baie e selvagge rupi. Oltrepassando il centro abitato inoltre si può ammirare la distesa bianca dei giacimenti di pomice, unica nell'arcipelago.

 

Superate quindi la Punta delle Fontanelle e quella delle Grotticelle, si scopre la spiaggia di Valle Muria. Superando gli scogli delle Formiche e passando sotto l'arco roccioso di Punta del Perciato, si raggiungono i faraglioni Pietra Menalda e Pietra Lunga, posti a guardia del canale che separa Lipari da Vulcano. E proprio chi arriva finalmente a Vulcano non può non stupirsi di fronte alle coste nere e lunari dell'isola, comunque affascinanti e ospitali come secoli fa per i marinai che vi sbarcano incuriositi, e, soprattutto, non può non immegersi almeno per un minuto nel laghetto naturale dei fanghi caldi. Ma ecco ancora Stromboli, dove il vulcano è vivo e mostra in tutta la sua bellezza la sua potenza affascinante tra esplosioni di lapilli e colate di lava incandescente.
La circumnavigazione dell'isola porta poi a Ginostra, il piccolo borgo abitato posto sull'altro versante dell'isola: è un paradiso incontaminato, raggiungibile via terra solo a piedi o a dorso d'asino e perduto fra il verde della macchia mediterranea. Infine, i più mondani non rinuncino a fare scalo sulla altrettando splendida anche se più presa d'assalto dai turisti, isola di Panarea, dove non mancano locali notturni, pub e discoteche.

 

Per saperne di più

www.aasteolie.info
www.isoleolie.it
www.provincia.messina.it
www.regione.sicilia.it/turismo