Abbandonato e semi distrutto da più di cinquant'anni, è tornato a nuova vita il più piccolo teatro del mondo: si tratta del Teatro Salvini di Pieve di Teco (IM) che dal 2005, anno dell'inaugurazione, è sede di una stagione teatrale. Il Teatro Salvini è una struttura del tutto atipica, soprattutto per le piccolissime dimensioni: 43 metri quadrati di palcoscenico, 90 posti tra la platea e i 2 ordini di palchi. Una sala che, proprio grazie alle ridotte dimensioni, attira da sempre visitatori italiani e stranieri, incuriositi dalla particolarità dell'impianto e dalle misure mignon di questo teatrino, che vanta però una lunga e illustre storia di attività artistica a partire dal 1834, anno in cui fu edificato. Il Teatro Salvini detiene un primato decisamente particolare: è il più piccolo teatro del mondo (oltre al Teatro Catalani di Vetriano di Pescaglia in provincia di Lucca, edificato però successivamente nel 1890) e tale peculiarità aggiunge motivo di interesse e di attrattiva per una costruzione, originariamente adibita a forno, la cui trasformazione in sala teatrale si deve unicamente alla caparbietà di un consigliere comunale dell'epoca, Giuseppe Manfredi, e al desiderio degli abitanti di avere un secondo teatro oltre al più ampio e antico Teatro Olimpico. Pur di dimensioni così ridotte il Teatro Salvini ospita oggi non solo monologhi ma anche incontri, conferenze e concerti solistici o da camera, grazie anche all'ottima acustica che il restauro ha restituito alla sala.In un periodo in cui i teatri stentano a sopravvivere, il recupero di un teatro-bomboniera in un piccolo paese dell'entroterra ligure è certamente una novità in controtendenza che fa ben sperare sul futuro di un'arte che accompagna l'uomo da sempre. Una notizia, inoltre, che rende giustizia ad una storica attitudine di Pieve di Teco quale centro di attività artistiche e teatrali: le prime informazioni sulla propensione di questa cittadina a ospitare e a realizzare spettacoli teatrali risalgono infatti ai primi anni del ‘700. Non deve quindi stupire che, dopo una serie di traversie, il rinato Teatro Salvini si proponga quale punto di riferimento per una porzione di territorio che continua a essere estremamente attivo e desideroso di cultura, arte e spettacolo.

Per saperne di più

www.prolocopievediteco.it
www.rivieradeifiori.travel