Città da sempre amante e amata dallo sport - basti pensare al fatto che nella sua provincia sono nati un campione del calcio come Gigi Riva e a uno del pedale come Ivan Basso - Varese ha quest'anno la grande opportunità di ospitare, nell'ultima settimana di settembre, i Campionati del Mondo di Ciclismo su Strada 2008 (http://www.varese2008.org/), una delle manifestazioni sportive più seguite e amate in tutti i continenti, dall'Australia all'America. Può essere questo allora un ottimo spunto per visitare la città proprio durante le ultime settimane della stagione estiva, tra fine agosto e inizio ottobre, quando il clima è reso abbastanza fresco dalla vicinanza delle Prealpi e del Monte Rosa. Sarà così possibile sfruttare questa passione della provincia lombarda per le due ruote percorrendo uno, o più, dei tanti itinerari che si snodano nel suo territorio e che si possono tutti consultare nei loro minimi dettagli proprio navigando nel completo sito della manifestazione ciclistica. Tra questi uno dei più facili e suggestivi è quello che porta a scoprire le bellezze della verdissima Pineta di Appiano. Percorso di media difficoltà e lungo 39 km (tutti su strada asfaltata in ottime condizioni), prende il via dal centro di Tradate, bella cittadina posta circa 15 km a sudest di Varese. Da qui si attraversano i borghi gemelli di Venegono Inferiore e Superiore e, prima di raggiungere Binago, si svolta a destra e si entra, pedalando su una bella stradina asfaltata, in un fitto bosco di brughi, betulle e pini. Superato quindi il bivio per Castelnuovo e altri 8 km di fitto bosco si raggiunge il centro di Appiano Gentile, dove si può fare una sosta per bere qualcosa. Sulla via del ritorno si deve ammirare San Bartolomeo al Bosco, chiesa silvestre del XII secolo. Partendo invece dal paese di Gavirate, cittadina posta all'estremità nord del Lago di Varese, ci si inoltra nel facile percorso lungo 27 km che raggiunge il tranquillo Lago di Monate. Lasciata Gavirate, si inizia il giro costeggiando il Lago di Varese fino alla stazione lacustre di Isolino Virginia. Superata poi anche Cascinetta Rizzone, si imbocca finalmente l'incantevole stradina che costeggia il Lago di Monate fino a Cadrezzate. Da qui inizia la via del rientro che attraversa i borghi di Besozzo, Bardello e Malgesso. Una volta esaurite le energie ai pedali, vale la pena dare un'occhiata al bel centro storico di Varese, dove, passeggiando placidamente, si possono in un pomeriggio ammirare tutti i monumenti principali. Tra questi da non perdere la cinquecentesca Basilica di San Vittore, aggraziata dalla facciata neoclassica e il cui campanile detto del Bernascone è uno dei migliori esempi dell'arte lombarda del XVII secolo. Attraversati poi i Giardini Estensi, ampio parco pubblico comunicante con la tenuta di Villa Mirabello, si giunge sotto i vecchi portici del centro per mangiare un gelato o rilassarsi facendo shopping in vista della cena.

Per saperne di più

www.vareseturismo.it
www.comune.varese.it
www.provincia.va.it
www.regione.lombardia.it