Il Faro della Vittoria illumina il Golfo di Trieste. Fu opera dell'architetto Arduino Berlam e dello scultore Mayer. Nella sua progettazione fu immaginato altissimo e posizionato in corrispondenza del bastione rotondo dell'ex forte austriaco kressich.

Il Faro della Vittoria è costituito da un ampio basamento comprendente anche il bastione del preesistente forte austriaco ed è ricoperto di pietre di origine locale. Sopra la colonna monumentale vi è un capitello a sostegno della coffa, così chiamata in termini marinareschi, in cui è inserita la lanterna, la cui gabbia è realizzata in bronzo e cristallo, coperta da una cupola in bronzo. Oggi il Faro della Vittoria rappresenta uno dei simboli della città.