Il Duomo di Bolzano è simbolo della città. Dedicato a Santa Maria Assunta si affaccia su Piazza Walther. L’imponente struttura in stile gotico, risalente ai secoli XIV e XV, spicca per il suo notevole tetto policromo a forti spioventi, su cui si impone la cuspide a trafori del campanile, realizzato nel 1519. Una primitiva costruzione, di cui permangono scarse tracce nell’odierna struttura, fu realizzata a partire dal 1184, in stile romanico, in onore della Madonna della Palude.

La leggenda racconta che sia sorta in seguito al rinvenimento, proprio in quel luogo, un tempo paludoso, di una statuetta della Madonna col Bambino. In realtà il Duomo di Bolzano fu eretta probabilmente su una primitiva “domus” già utilizzata in epoca romana per le riunioni dei cristiani.

La facciata del Duomo di Bolzano è semplice, caratterizzata da un portale romanico preceduto da un Protiro di fine ‘400, sostenuto da due leoni stilofori, e un rosone romanico gotico. L’interno del Duomo di Bolzano, a tre navate, presenta un impianto gotico, con volte ogivali a crociera poggianti su pilastri compositi ed è impreziosito da affreschi trecenteschi, testimonianza delle due scuole gotiche del tempo: lineare e giottesca. D’ottima fattura è anche il pulpito gotico, realizzato in arenaria compatta e scolpito dal maestro Hans Lutz von Schussenried.