OriginalItaly augura a tutti un Buone Vacanze!
Tutti gli ordini pervenuti dall’08 al 30 Agosto 2015 potrebbero subire dei ritardi nella consegna.
Le spedizioni riprenderanno regolarmente lunedì 31.08.2015

Carrello vuoto

Buoni bevitori quegli Etruschi che avviarono la viticoltura anche in Lucchesia, tradizione confermata dai bottiglieri dello stato pontificio, vini apprezzati da papi e famiglie nobili. In questo bellissimo angolo di Toscana sono i Rossi ad avere più longevo albero genealogico, come testimoniano documenti anteriori all'anno Mille sui quali è riportato che '...le pendici dei colli a nord di Lucca erano nel secolo IX rivestite da vigne'. Non a caso i vignaioli lucchesi hanno dapprima dato lustro ai vini rossi, apponendo sulle etichette il marchio di denominazione d'origine nel 1968, mentre il disciplinare di produzione dei bianchi è stato approvato nel 1985. Nel saliscendi delle alture, ammantate da viti e olivi, l'area di produzione del Colline Lucchesi Doc si estende sui comuni di Capannori, Lucca e Porcari, in provincia di Lucca e comprende le tipologie Bianco, Rosso, Merlot, Sangiovese, Sauvignon, Vermentino, Vin santo e Vin santo occhio di pernice.

Il Colline Lucchesi Bianco si accompagna a piatti delicati come il marzolino, la panzanella, la minestra di riso, l'acquacotta, il minestrone. Si ottiene da uve Trebbiano Toscano (45-50%), Greco e/o Grechetto e/o Vermentino bianco e/o Malvasia bianca lunga (massimo 45%), Chardonnay e/o Sauvignon (massimo 30%) ed eventualmente da altri vitigni a bacca bianca per un massimo del 15%. Si consiglia di servirlo in calici svasati a una temperatura di 8-10°C. Il Rosso si apprezza in abbinamento a piatti abbastanza strutturati come il lardo di Colonnata, la caciotta Toscana, la zuppa di lenticchie, la trippa e il pollo. Deriva da uve Sangiovese per il 45-70%, Canaiolo e/o Ciliegiolo (massimo 30%), Merlot (massimo 15%) con l'aggiunta eventuale di quelle di altri vitigni a bacca rossa per un massimo del 15% ad eccezione delle uve Aleatico e Moscato che possono concorrere per un massimo del 5%. Si consiglia di servirlo in calici bordolesi a una temperatura compresa tra i16 e i 18°C. Speciale per dolci e pasticceria secca da fine pasto è il Vin santo e il Vin santo occhio di pernice, prodotti con uve di vitigni rispettivamente a bacca bianca e a bacca rossa della zona. Sfumate le bellissime nuances dell'occhio di pernice, dal rosa pallido al rosa intenso con riflessi granati; il profumo è intenso e caratteristico, il sapore dolce, morbido, vellutato. La gradazione minima è di 16 gradi.

Per saperne di più

http://www.lu.camcom.it/content.php?p=1.12.9.2.1