Catania rende omaggio al suo illustre figlio, il compositore Vincenzo Bellini, con la riapertura al pubblico della sua casa natale. Dopo due anni di restauri e con una nuova installazione, oggi più attenta alla cronologia dei periodi storici e di vita del musicista, è stata riaperta alle visite del pubblico la Casa Museo Vincenzo Bellini all'interno dello storico palazzo barocco dei Gravina-Cruyllas, nel cuore del centro storico della città siciliana. La casa, dove il musicista nacque il 3 novembre 1801, venne dichiarata monumento nazionale il 29 novembre 1923 ed inaugurata il 5 maggio 1930. I vari ambienti rispecchiano la condizione originaria della casa natale. Le mattonelle esagonali, le volte a crociera, i piccoli balconi, il suggestivo pozzo ricreano la magia di un luogo che ha affrontato molteplici difficoltà prima di diventare istituzione museale. Il percorso museale della Casa Museo segue l'evolversi della vita e della carriera del compositore. Inizia da un piccolo ingresso che porta nella stanza da letto dove venne alla luce il piccolo Bellini, per concludersi nella altrettanto piccola stanza funeraria (allora cucina). Di particolare interesse è la sala D, ove sono raccolti numerosi manoscritti musicali autografi. Il Museo oggi vanta un nuovo allestimento e si è ingrandito, continuando la sua esposizione al piano nobile dello stesso palazzo; qui il visitatore potrà ammirare la prestigiosa collezione di pianoforti, che hanno suonato le magiche melodie del "Cigno catanese", manifesti e locandine delle celebrazioni belliniane. Anche la ricca biblioteca del museo è stata trasferita al piano nobile con sala multimediale.

Per saperne di più

www.cultania.it
Azienda Provinciale Turismo di Catania - www.turismo.catania.it