La Doc Carignano del Sulcis ha la vigoria per resistere ai venti carichi di salsedine provenienti dal mare. E' un vino rosso sardo prodotto in una zona sud-occidentale dell'isola, dove l'omonimo vitigno ha attecchito con successo proveniente dalla Spagna e si è diffuso nell'area mediterranea fino alla Tunisia, tenendo saldo il suo posto d'onore tra i vini di Sardegna.
Il Carignano del Sulcis Doc è un vino da pasto o da fine pasto prodotto nelle versioni Rosso, Riserva, Superiore, Rosato, Novello e Passito, derivanti da uve del vitigno Carignano per un minimo dell'85%, con l'aggiunta, a discrezione del viticoltore e dell'enologo, di uve provenienti da vitigni a bacca rossa autorizzati dal disciplinare. Il risultato è, per il Rosso del Carignano del Sulcis , tipico vino di Carbonia, un invitante rosso rubino con odore vinoso piacevolmente marcato, il sapore asciutto, sapido e armonico, con gradazione minima di 12 gradi. Si veste di rosa di varia intensità cromatica la versione Rosato, con gradazione minima lievemente inferiore al precedente (11,5 gradi). Il rubino si fa ambrato nel Carignano del Sulcis Passito di Iglesias, che alla vetta di 16 gradi emana odore intenso e caratteristico, sapore dolce, morbido e vellutato. Le tante tipologie di questa doc permettono di accompagnare la ricchezza della cucina sarda.

Se il Rosso si abbina a pastasciutte con ragù di carne, carni in umido, provolone, salsiccia sarda e porchetta arrosto, in calici ballon a una temperatura di 16-18°C, il Rosato rallegra la tavola con antipasti a base di salumi, piatti di pasta conditi con pomodoro e formaggi, uova, zuppe di pesce e formaggio caprino, in calici a tulipano ampio, alla temperatura di 12-14°C. La versione Passito del Carignano del Sulcis fa festa al dessert e ad un piatto tipico come la ricotta fritta, sempre in calici a tulipano, servito a una temperatura di 10-12°C.


Per saperne di più

http://www.naturalmenteitaliano.it/flex/FixedPages/IT/Prodotto.php/L/IT/P/392
http://www.hbsulcis.com/portal/content/view/279/63/