In provincia di Trento tantissimi sono i centri termali che offrono un mix di cura del corpo, cultura e benessere. Rinomate sono le Terme di Val Rendena Fonte S. Antonio, nella località omonima, chiamate anche “Borgo della Salute”. Si trovano nel centro storico di Caderzone Terme, un paese, a circa 750 metri s.l.m., che gode di un paesaggio naturale davvero unico e suggestivo. Nonostante queste Terme siano divenute un’importante realtà solo nel 2004, diversi documenti testimoniano come già nel XVII secolo gli effetti benefici della sua fonte fossero apprezzati.

Dai risultati delle analisi chimico-fisiche e dalle ricerche effettuate, l’acqua termale Fonte S. Antonio è classificabile come oligometallica di tipo ferruginoso con oligoelementi di grande rilievo quali litio e selenio. Le caratteristiche dell’acqua termale di Caderzone Terme la rendono ideale per il trattamento delle vasculopatie periferiche, delle affezioni dermatologiche, delle affezioni osteoarticolari e delle patologie dell’apparato respiratorio. Le stesse cure sono inoltre convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale. 

Alle cure termali sono state affiancate altre terapie quali fototerapia, magnetoterapia e la scleroterapia e la presenza di medici specialisti, dermatologi, internisti, ortopedici, otorinolaringoiatri, consente di garantire tutto l’anno un servizio medico costante, valido e professionale.
La maggior parte del territorio di Caderzone Terme è compreso nell’area del Parco di Adamello Brenta, la più vasta area protetta del Trentino. Caderzone Terme è una località turistica unica per il fascino dei paesaggi naturali: sconfinati prati verdi, lussureggianti foreste, guglie delle Dolomiti, meta ideale per tutti gli amanti della tranquillità e del relax.
A testimonianza della efficienza e della elevata qualità dei servizi messi a disposizione dei turisti, il Touring Club Italiano ha concesso al Comune la Bandiera Arancione.