Per testimoniare l'efficacia della fangoterapia di Acquasanta, nulla di meglio che visitare la chiesa del patrono, dove, appese alle pareti, soprattutto nei secoli passati, c'erano stampelle e grucce, attestato di devozione al Santo ed alle sue acque miracolose, per la mobilità recuperata. Capoluogo di un vasto territorio compreso in gran parte nel parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, l'antica stazione romana Vicus ad Aquas, deve il suo nome alla presenza, nel sottosuolo, di acque termali sulfuree che oggi alimentano i reparti di cura dello stabilimento termale del capoluogo Piceno. L'antico tratturo preistorico, poi via consolare in età augustea, ha sempre trovato in Acquasanta un naturale punto di sosta, tanto da essere segnalata negli itinerari militari romani della "Carta Peutingeriana". Caduto l'Impero Romano, Acquasanta segue le vicende storiche della città di Ascoli: gli insediamenti longobardi, l'influenza dei Benedettini di Farfa, il dominio dei Vescovi-Conti, fino ad essere compresa nella Marca Anconetana dello Stato Pontificio a seguito delle "Costituzioni Egiziane" del 1357. La fangoterapia praticata sul luogo dispone di argille speciali ed elementi organici vari commisti naturalmente; elementi preminenti di un fango naturale, non macerato nelle vasche con acqua sulfurea, come altrove avviene, bensì, un radioattivo imo, depositato dal fiume nell'ampia grotta naturale dove l'acqua rallenta la sua corsa per poi riprendere il suo tragitto e riversarsi, attraverso cunicoli, in una grandiosa successiva piscina naturale versicolare sulla quale predominano macchie gialle di zolfo fissato dai vapori dell'acqua calda a 37' gradi. L'applicazione del fango determina effetti locali ed effetti generali sul metabolismo del corpo. II ciclo di fangoterapia prevede una cura di almeno 12- 15 giorni a seconda della prescrizione fatta dallo specialista termale e dalla capacità fisica atta a sopportare l'abbondante sudorazione debilitante che ne deriva dal surriscaldato fango estratto dalla grotta e le varie coperte che ricoprono il paziente per non far disperdere il calore. La fangoterapia è particolarmente indicata nelle malattie osteneuroarticolari e reumatiche. Proloco Acquasanta Terme Tele. e Fax 0736801291 proacquasanta@libero.it