Il food sharing è un’iniziativa solidale in forte crescita negli ultimi anni in molti comuni italiani e che vede l’adesione anche della città di Roma. Il focus del progetto Food Sharing a Roma è la condivisione, concetto che rappresenta le fondamenta indistruttibili della solidarietà ed evidenzia l’importanza del “possedere insieme” e dell’offrire una parte di se stessi agli altri.

Il Comune di Roma ha aderito al progetto Food Sharing – Confartigianato Roma con l’obiettivo di trasformare gli sprechi alimentari in cibo. L’iniziativa vede il comune della Capitale impegnato nei prossimi mesi al ritiro di prodotti alimentari presso tutti gli esercenti e i supermercati aderenti all’iniziativa.
I prodotti consegnati dovranno essere obbligatoriamente freschi e conservati secondo la normativa europea in materia di igiene e sicurezza alimentare. I costi del progetto sono totalmente a carico di Confartigianato.

Food Sharing a Roma

 

I vantaggi della solidarietà

Roma si unisce insieme con un’altra grande iniziativa della Capitale: Pasto Buono. L’intenzione del progetto Food Sharing a Roma è quella di incrementare il numero degli attori coinvolti, al fine di realizzare un gesto di solidarietà che abbracci e coinvolga un numero maggiore di persone. Soltanto l’impegno di molti può assicurare un grande aiuto ai tanti che ne hanno davvero bisogno. Nasce così una forte campagna di sensibilizzazione, che invita la cittadinanza e il tessuto produttivo della Capitale ad evitare qualsiasi forma di spreco alimentare. Lo scopo è quello di realizzare una distribuzione delle risorse alimentari più equa e ripartita in maniera più omogenea sull’intero tessuto urbano, affinché tutti possano avere la possibilità di assicurarsi un pasto giornaliero.

L’adesione delle attività commerciali a questa importante iniziativa solidale prevede anche dei grandi vantaggi da parte del Comune di Roma. Gli esercenti aderenti all’iniziativa che si distingueranno per la loro generosità e il loro concreto contributo mostrato nei confronti delle persone bisognose, potranno beneficiare di una riduzione sulla Tassa Rifiuti, che viene calcolata in base alle capacità di recupero.

Il concetto di prevenzione rappresenta la colonna portante dell’intero progetto, che intende offrire il proprio aiuto a tutti coloro che non possono permettersi un pasto. Ma lo scopo che si prefigge di ottenere il Food Sharing a Roma è anche la sensibilizzazione e il coinvolgimento dell’intera cittadinanza alla prevenzione degli sprechi sulle eccedenze alimentari. Questo significa compiere un primo grande passo nella lotta contro la povertà e l’inquinamento ambientale, puntando alla riduzione della produzione di rifiuti.